Cannabis

La foglia di canapa è il simbolo mediatico della marijuana ma non si fuma poiché povera in principi attivi e ricca di clorofilla. Il termine "marijuana" è il nome comune col quale in Messico viene indicata tale pianta quando destinata a ricavarne sostanza stupefacente. Come sostanza psicoattiva vengono usate solo alcune parti, prevalentemente i fiori femminili (marijuana) e la loro resina (hashish) fumati, inalati o ingeriti.

Il principale agente psicoattivo della cannabis è il THC: "tetraidrocannabinolo"

E' una droga perchè: 
  • Distorce la percezione del tempo
  • Amplifica tutte le sensazioni
  • Altera la percezione, l'attenzione e l'elaborazione delle informazioni che intervengono nella guida di autoveicoli e velivoli
  • Può determinare effetti di tolleranza, astinenza e dipendenza
Parliamo di dipendenza quando: 
  • si manifesta una modalità maladattiva nell'uso della sostanza con la ricerca di dosi sempre maggiori
  • effetto è ridotto con l'uso continuativo della stessa quantità di sostanza
  • le attività sociali, lavorative o di divertimento cessano o si riducono a causa di una ricerca compulsiva della sostanza
Effetti: 

Gli effetti indotti dall'uso di cannabinoidi sono svariati, hanno differente intensità a seconda del soggetto, dalle circostanze psico-fisiche in cui la si assume, dalla contemporanea assunzione di alcool o altre sostanze psicoattive, dall'assuefazione del consumatore e dalla quantità di principio attivo (THC) assunta; i principali effetti possibili sono:

  • attenuazione della reattività fisica e mentale;
  • temporaneo abbassamento della pressione sanguigna;
  • effetto leggermente euforizzante o sedativo;
  • rilassamento muscolare;
  • broncodilatazione.